© 2017 Associazione per la difesa del servizio pubblico

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Firmate il referendum contro la privatizzazione degli ospedali pubblici

04/01/2016

 

Firmate il referendum contro la privatizzazione degli ospedali pubblici L'Associazione per la difesa del servizio pubblico ha preso atto con viva preoccupazione della decisione del Gran Consiglio del 15 dicembre 2015 riguardante la pianificazione ospedaliera. Infatti, con la stessa verranno soppressi i reparti di medicina e di pronto soccorso degli ospedali di Acquarossa e di Faido, verranno ridimensionati l'Ospedale Beata Vergine di Mendrisio e il San Giovanni di Bellinzona con una privatizzazione parziale del Civico di Lugano e la perdita di identità quale ospedale pubblico della Carità di Locarno. Si tratta di un cambiamento epocale. Per la prima volta dalla creazione dell'Ente ospedaliero cantonale (EOC) nel 1982, invece di migliorare la qualità delle prestazioni degli ospedali pubblici, il Gran Consiglio ha deciso un loro drastico ridimensionamento. La collaborazione con le cliniche private, per esempio, sono di fatto delle vere e proprie privatizzazioni. A Locarno verrebbe creata una società anonima, la NewCo Locarno Salute SA, comprendente l'Ospedale la Carità e la Clinica Santa Chiara. A Lugano un'altra società anonima con i reparti donna-madre-bambino dell'Ospedale Civico con la Clinica Sant'Anna, del gruppo Genolier, che si occupa di cliniche, ma anche di alberghi e di affari immobiliari. Queste due nuove entità ospedaliere non faranno più parte dell'Ente ospedaliero, il loro obiettivo non sarà più quello di offrire il miglior servizio possibile al minor costo possibile, una caratteristica fondamentale del servizio pubblico, bensì quello di realizzare il massimo profitto, obiettivo di ogni azienda privata. E' la fine dell'EOC multisito, ossia dell'organizzazione ospedaliera unica, ma presente nelle varie regioni del Cantone, proprio per conciliare l'alta qualità e nel limite del possibile la prossimità con la popolazione. Contro questo decisione è stato lanciato un referendum popolare. L'Associazione per la difesa del servizio pubblico invita a sottoscriverlo e auspica che i cittadini ticinesi possano respingere questa decisione incomprensibile e dannosa, così da poter disporre anche in futuro di ospedali pubblici di alta qualità.

Condividi
Please reload

La scuola che non vogliamo - risoluzione dell'Associazione per la scuola pubblica

21/11/2018

NO alla liberalizzazione totale del mercato dell’energia elettrica

13/11/2018

1/15
Please reload

Altre notizie: